Report Campionato Mondiale 2018 – Cipro

Un’altra trasferta indimenticabile. Un’altro campionato tinto d’azzurro grazie ad una squadra che si è costruita in questa lunga trasferta il proprio percorso, sapendo gestire bene, tutte le fasi che una manifestazione del genere ha.

24-25 Agosto: Partiamo dall’inizio, siamo arrivati il 24 Agosto, in serata, giusto il tempo di cenare e poi via a dormire per recuperare il viaggio. La mattina successiva, siamo andati subito al circolo ed abbiamo iniziato a lavorare sulle barche, cercando di prepararle al meglio, per fare la prima uscita di allenamento. Le condizioni meteo erano ideali con un bel vento sui 14-15 nodi, e dopo una prima fase dedicata allo studio delle onde e del vento, siamo passati a fare qualche partenza in compagnia dei team di Argentina e Cile. Al rientro dalla prima giornata, le sensazioni erano buone e nel complesso il campo ci era piaciuto.

26 Agosto: La seconda giornata di allenamento, inizia un pò prima rispetto alla giornata precedente, visto che il vento sia dal mattino era più sostenuto, sempre dalla stessa direzione. Anche l’onda era decisamente più formata. Decidiamo di uscire, con un vento che soffiava già oltre i venti nodi, ma nel giro di poco, saliva gradualmente fino a toccare punto di 28, con un’onda sempre più formata. Questa giornata è stata dedicata interamente alla messa a punto e alla conduzione con vento e onda, abbastanza breve per non far troppo rovinare le vele, che erano quelle che avremo usato durante le regate, dove le previsioni davano condizioni decisamente più leggere.

27 Agosto: Questa giornata è stata dedicata ai controlli di stazza, dove le barche erano già pre-stazzate, ma comunque abbiamo dovuto controllare antenne, appendici e vele. Visto il gran caldo e il vento molto sostenuto, abbiamo deciso di riposare quel giorno e portare i ragazzi in piscina a rilassarsi e idratarsi. Il caldo è stata una componente che non ci ha mai abbandonato per tutto il periodo e il rischio di insolazioni e colpi di calore era abbastanza alto, quindi abbiamo cercato di stare molto attenti a questo.

28 Agosto: Ultima giornata di allenamento prima dell’inizio dei giochi. Iniziamo la prima parte con una bella navigazione, sempre cercando di far ambientare al meglio i ragazzi al vento e all’onda. Una giornata sui 12 nodi, molto regolare. Dopo la prima parte, qualche partenza e prove di bordeggio con i ragazzi francesi e dell’Oman. Anche per questo mondiale, l’organizzazione ci ha messo sul gommone con la Francia, quest’anno guidata dal tecnico Laurent Gaillot. La sera, c’è stata la cerimonia di apertura, nel Marina di Limassol, vicino al centro della città.

29 Agosto: Partiamo per il primo giorno di regate, concentrati e consapevoli delle nostre possibilità. Il vento oscillava più dei giorni precedenti, perché più debole, ma tutto questo non ha condizionato Marco, che vinceva in maniera netta la prima prova, per poi ripetersi nella seconda, aumentando anche il vantaggio della prima. Anche il resto della squadra non è stata a guardare, a parte Alessandro Cortese, che ha pagato l’impatto mondiale solo in quella giornata, Davide chiudeva sesto, Flavio ottavo e Alessio 11.

30 Agosto: Proseguono le qualificazioni, il vento resta stabile sugli 8-10 nodi dalla stessa direzione. Marco vince entrambe le prove, con distacchi nettissimi all’arrivo e inizia a dare un segnale importante agli avversari diretti, che lasciano pian piano qualche punto per strada. Flavio con 14-15 mantiene una buona media, Alessandro si riscatta con 10-11, Alessio con 20-11 ottiene due piazzamenti utili per entrare in gold, mentre Davide con 21-21 non è riuscito a esprimere il proprio potenziale.

31 Agosto:ultimo giorno di qualifiche, con Marco che vince entrambe le prove e si assicura la prima posizione in questa prima fase del campionato. Giornata decisiva per entrare in Gold, tutti i nostri ragazzi riescono a rientrarci, grazie al riscatto di Davide (7-7), un combattente Alessandro (14-3) che tira tutto quello che aveva nella prova decisiva, un regolare Flavio (5-18) e Alessio (17-14) anche lui in buona giornata. Chiudiamo questa prima parte entrando come testa di serie 2, nel tabellone del team race.

1 Settembre: Inizia il mondiale a squadre. Era tanta la voglia di riscattare l’edizione 2017, da parte di Marco e Davide che fecero già parte della spedizione in Thailandia. Avevamo preparato molto bene questo impegno, molto di più dello scorso anno, e siamo andati convinti delle nostre possibilità. In questa giornata era necessario vincere tre match per arrivare al tabellone finale, comunque scontri da non sottovalutare. Il primo match partiamo bene e controlliamo agilmente la gara, vincendo 1-2-3-4 con Estonia. Il secondo match, ci riserva il Perù, che lo scorso anno ci aveva battuto. Nonostante qualche errore di troppo, riusciamo a rimanere belli compatti e far fare 7-8 agli avversari che si erano un pò allungati. La gara decisiva per entrare come testa di serie 2 nel tabellone, ci ha riservato lo scontro con Singapore. Una gara equilibrata fino alla boa 3, dove grazie a un bel gioco dei nostri, siamo riusciti a posizionarci in maniera tale da chiudere la partita. All’arrivo 1-2-3-4 Italia, ma l’arrivo non rende merito alla gara dei singaporesi che ci hanno comunque dato, come sempre, del filo da torcere.

2 Settembre: La seconda giornata, al primo match abbiamo avuto la Russia, con la quale siamo partiti molto bene e poi abbiamo amministrato il vantaggio. Nel secondo match, abbiamo incontrato la Svizzera (che aveva battuto l’Argentina nel match precedente). Dopo una prima bolina equilibrata, sulle boe, abbiamo fatto la differenza e nell’ultima bolina siamo andati a vincere bene un match comunque non scontato. Nel terzo match, ci tocca la Spagna, come sempre una squadra molto combattiva che aveva battuto in precedenza Cile e Cina. Partiamo bene, ma lasciamo spazio di recupero agli spagnoli, ma ancora una volta sulle boe, riusciamo a organizzarci bene e lanciarci verso la vittoria finale. Arriviamo ad incontrare una prima volta la Thailandia che nella parte alta del tabellone aveva battuto Finlandia, Singapore e gli USA campioni uscenti. Nel match con gli asiatici, abbiamo fatto una buona gara, ma stavolta sulla boa 1 e 2, commettiamo qualche errore di troppo e perdiamo. Con questa sconfitta per arrivare in finale dovevano vincere due match nella parte di tabellone dove c’è il recupero. Troviamo in questa parte di tabellone, subito l’Argentina, e vinciamo in maniera netta, dopo un’ottima partenza. Nell’ultimo match prima della finale, troviamo ancora la Spagna. Questo match, valeva o la medaglia di bronzo o l’accesso alla finale. Vinciamo, bene ancora una volta con la Spagna, una gara comunque equilibrata. In finale, la supremazia della Thailandia, è stata in certi momenti netta, e perdiamo 2-0, senza demeritare più di tanto, ma bisogna rendere onore a chi ci è stato superiore. Comunque è medaglia d’argento, meritatissima!

3 Settembre: Inizia la fase finale, il caldo aumenta e il vento arriva molto più tardi e siamo riusciti a fare solamente una prova, molto complicata perché il vento oltre i 230 gradi, diventava più terriero e quindi molto più instabile. Marco, inizia da dove si era fermato, vince la prova con la consueta autorità. Si difendono bene anche Alessio, Flavio e Davide, mentre per Alessandro, una brutta prova.

4 Settembre: Ancora caldissimo, e quindi cerchiamo di rimanere concentrati e consapevoli che avremmo regatato tardi nel pomeriggio anche quel giorno. Alla fine due prove, con Marco che con un 1-2, si avvicina sempre di più al titolo perché gli avversari in questa giornata hanno perso molti più punti. Nella seconda prova di giornata, Marco ha fatto una magia, passando dal 10 della prima bolina, a chiudere secondo per un niente dal primo, questione di cm. Gran regata, e gran carattere di questo giovanissimo atleta romano. In questa giornata, torna a risalire Davide, Flavio guadagna qualche posizione, mentre scendono qualcosa Alessandro e Alessio.

5 Settembre: è il grande giorno. In troppi davano già chiuso il campionato, ma Marco, sapeva bene che ancora non era finita, e ha affrontato con ancora più convinzione e determinazione le prove finali. Il vento entra prima, preludendo a qualche nodo in più, almeno nel tardo pomeriggio. Il tempo limite era alle 15, e fatti due calcoli era più probabile riuscissimo a farne due, quindi con una prova avremmo messo il campionato al sicuro. Nella prima prova parte libero, e gestisce senza rischiare tutta la prima bolina dove gira 5°, pian piano, metro dopo metro, inizia a superare gli avversari e chiude nettamente primo … è quasi fatta. Inizia la seconda prova, il vento fa le bizze, Marco gira sul venti la bolina, ma non si accontenta, inizia a macinare e chiude decimo, subito avanti ad un grande Alessandro, protagonista di una grande giornata (14-12). E’ finita, è il bis mondiale! Grande Marco, grande team!

Inizia il rientro, con il tricolore issato, per il secondo anno consecutivo. Tutta la squadra compatta rientra verso terra, dove ci attendevano Norberto, Walter, Simone, Bruno, Davide, Letizia, i genitori e tanti estimatori. Matias Capizzano dà il meglio di se con le foto, come sempre spettacolari. Dopo una sana doccia, e la riconsegna barche è il momento della premiazione finale. Sentire l’inno fa sempre un certo effetto, e anche stavolta l’emozione di tutti noi, è stata tanta. La squadra sfila tre volte sul podio, una per l’individuale di Marco, una per l’argento nel mondiale a squadre e una per l’argento nella Nations Cup.

Si chiude una stagione trionfale per i nostri colori! Adesso un pò di riposo, e a fine mese, inizieremo la preparazione per Antigua 2019!

Ringraziamenti:

– a Marco Gradoni, Flavio Fabbrini, Davide Nuccorini, Alessandro Cortese e Alessio Castellan. Cinque amici che hanno vissuto insieme 14 giorni molto densi ed entusiasmanti.

– Al Cavalier Foletti che ha creduto e dato fiducia a tutti noi, anche quest’anno.

– a Walter Cavallucci, team leader di questa spedizione.

– a Simone Ricci, Bruno Fischetti e Davide Comitangelo per il supporto dato in tutta la spedizione, ad Alessio Frazzitta e Maurizio Scrazzolo. I risultati raccolti durante questo mondiale sono il frutto del lavoro fatto durante tutti questi anni. Il ringraziamento è esteso ai circoli dei ragazzi (Tognazzi Marine Village, LNI Napoli, CV Roma, CV Crotone e CV Muggia).

– ai genitori dei ragazzi presenti a Limassol e anche quelli che ci hanno sostenuto e tifato da casa. Abbiamo lavorato benissimo con grande rispetto in un ambiente molto sereno.

– una nota particolare a Luigi e Anna Gradoni. Con Marco, ho fatto tre mondiali e un campionato asiatico, altre trasferte, e tantissimi Raduni. Hanno sempre avuto in questi anni, grande rispetto, sostenendo Marco nel migliore dei modi. Una bella fetta di questa vittoria è anche loro.

– a Michele Ricci, un grazie sentito per il supporto durante la preparazione della squadra. Siamo migliorati molto a livello di team Race e di regolamento, e Michele ha avuto un ruolo fondamentale in questo.

– a Luigi Bertini, rule advisor della FIV, per una consulenza che ci ha dato durante il mondiale.

– ai ragazzi che durante la preparazione hanno fatto da sparring, nei vari Raduni di preparazione.

– agli sponsor dell’Aico, in particolare a Kinder più Sport. Senza dimenticare Gul, Negrinautica. Un grazie ad Armare One design che ci ha supportato con materiale tecnico per i ragazzi.

– Complimenti a Letizia e Nicolas per il lavoro svolto al Mondiale per la presentazione della Candidatura del Mondiale 2020.

– un grazie a Matias Capizzano per le bellissime foto!

Infine grazie a tutti coloro che ci hanno tifato da casa. Ci avete spinto a dare sempre quel qualcosa in più, proprio quello che era necessario per una prestazione straordinaria.

Si chiude una stagione fantastica con la vittoria del Mondiale individuale, dell’europeo individuale e quello a squadre. A questo si sommano le medaglie d’oro nella classifica per nazioni all’europeo, gli argenti al mondiale a squadre e alla nations cup. Difficile ripetere una stagione simile, intanto godiamoci questo bel momento e continuiamo a credere nel lavoro che stiamo facendo!

Marcello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...