L’importanza di 1 cm

In questi anni abbiamo apprezzato più volte Al Pacino, nel film, “Ogni maledetta domenica”, dove incitava la sua squadra nell’intervallo tra il primo e secondo tempo di una partita, a lottare per conquistare un cm!

La mia riflessione va per certi versi in una direzione simile, ovvero, dobbiamo cercare tutti di capire quanto può essere importante 1 cm, anche nella nostra attività agonistica.

Per un 1 cm di scotta cazzata, in più o in meno, si può avere una vela più o meno performante. Una vela può cambiare molto il suo profilo anche se il carico sembra minimo. Cazzare al limite o al massimo gli angoli di gola, mura e scotta può cambiare molto la nostra vela. Cazzare un cm di base o abbassare di 1 cm il segno di stazza cambia molto il profilo. Mollare un cm il picco cambia a volte molto il profilo della vela. Questi cm, troppo spesso li dimentichiamo, troppo spesso in maniera superficiale, non ricordiamo che la differenza tra un bravo timoniere e uno ancora più bravo, la fanno i dettagli, anche minimi in certi momenti.

Per un cm, si può partire dentro o fuori, oppure per un secondo si può essere dentro o fuori dalla linea! Quello che fa la differenza è l’attenzione con cui si guarda la linea e se lo si fa nel modo giusto!

Questione di cm, questione di attimi che cambiano l’esito di una vostra prova, di una vostra serie di regate!

La differenza la farete sempre voi, se crederete nell’importanza di fare attenzione a quel cm, oppure a sfruttare quel cm guadagnato.

In partenza guadagnare spazio è vitale, e in certi casi un’arte, che richiede attenzione e grande controllo della nostra barca.

E chiudo, invitandovi stasera a contare quanti cm, avete usato e quanti ne avete risparmiati, perché sommati al tempo fanno una grande differenza!

A presto

Marcello

https://youtu.be/jQvU9aWuqwQ

https://www.facebook.com/156077387737274/posts/2319125354765789/

Report Raduno 1° GAN 2019 Riva del Garda (27-30 Settembre 2018)

E’ partito da Riva del Garda, il percorso formativo del progetto Gan 2019. Per la prima volta, da quando è nato il GAN, abbiamo nel team, il campione del mondo e il campione europeo contemporaneamente. La stagione 2018, è stata una delle migliori di sempre, che è costata molto impegno ai ragazzi, ai coach e ai club degli stessi, oltre che allo staff organizzativo della classe.

Continua a leggere