Report III Raduno GAN Cadetti – Scarlino 28/11-1/12

Anche il terzo e ultimo appuntamento con il GAN Cadetti è giunto al termine, dopo aver portato in fondo tutto il programma previsto.

Per questo appuntamento, il tema era il vento oscillante e la tattica di regata applicata alle condizioni meteo. Un tema importante, svolto in una location e un campo di regata certamente adatti a sviluppare quanto volevamo.

La prima giornata si è aperta con una veloce attivazione motoria, prima della colazione, per cercare di sensibilizzare sempre più, anche i giovanissimi, a lavorare anche a secco oltre che in barca. Il meteo era incerto ed abbiamo deciso di accelerare l’uscita in acqua il più possibile. Per dividere i gruppi, abbiamo fatto una regata di flotta e al termine iniziato la parte divisi.

Dopo una breve pausa in acqua, abbiamo iniziato ancora una volta il lavoro tutti insieme. Sin dal mattino, lo scirocco e il ponente si sono ostacolati a vicenda, fino a che, il maestrale ha spezzato questa situazione entrando molto teso (qualche punta fino a 20 nodi).

Nonostante fosse molto teso, le oscillazioni sono state notevoli, soprattutto grazie ad una rotazione a sinistra decisa con aumento del moto ondoso. Nelle regate effettuate, molti gli errori dei ragazzi, poi ampiamente dibattuti in aula nel debriefing, dove sono state discusse diverse proteste.

La seconda giornata, abbiamo atteso più tempo a terra, uscendo quando il vento ha iniziato a segnare. Alla fine, ancora un vento di maestrale è entrato, non molto forte, ma più che sufficiente per poter impostare il lavoro che volevamo fare. Le regate sono state molto interessanti, e rispetto al giorno precedente, abbiamo visto alcuni ragazzi più a loro agio con le oscillazioni del vento. Al rientro, ancora tanti video e una lunga discussione sulla giornata.

La giornata di domenica, come previsto, un bel vento da E/SE è stato gradito protagonista. Dopo una prima ora di lavoro, puramente tecnico dove abbiamo lavorato con grande intensità, siamo passati al lavoro tutti insieme con tre prove disputate. Nelle tre prove, tre vittorie di Erik Scheidt, che ha avuto in Alessandro Ricci e Tomaso Picotti gli avversari più agguerriti. Meno costanti, ma comunque competitivi sono stati Giovanni Bedoni, Tommaso Geiger, Mattia Di Martino e Francesco Tesser. Al rientro dopo aver messo a posto tutta l’attrezzatura, un bel debriefing con la visione di una bolina praticamente completa.

Al termine, un intervento di ogni allenatore presente e alcune mie considerazioni finali sul raduno e sul progetto GAN Cadetti, visto che era l’ultimo appuntamento.

Conclusioni:

  • Non abbiamo avuto condizioni meteo facili e regatare era certamente difficile, ma era proprio questo che cercavo. Nei tre giorni, si sono visti diversi passi in avanti, soprattutto tra i migliori.
  • Rispetto al primo appuntamento, ho potuto notare qualche passo in avanti anche a livello tecnico.
  • Era il primo GAN Cadetti senza gli undicenni, e adesso possiamo tirare una riga e fare un piccolo bilancio. Nel complesso, direi che l’esperimento è stato positivo, valutata l’età e l’esperienza dei ragazzi. Il percorso da fare è naturalmente molto ma ci sono buoni segnali. Nel complesso siamo molto contenti anche dei giovanissimi del 2010 che avranno una stagione ancora da Cadetti per crescere.
  • Chiaramente i raduni sono stati fatti in “bassa” stagione e quindi alcuni avevano meno ore di barca rispetto al periodo centrale dell’anno. L’impegno non è mai mancato e devo dire che ho visto molta partecipazione anche al lavoro fatto in aula.
  • Siamo riusciti nei tre allenamenti a completare il programma che ci eravamo proposti. Molto positiva la presenza di diversi allenatori durante questi raduni che hanno potuto lavorare con il nostro staff tecnico.

Ringraziamenti:

  • Al Club Nautico Scarlino per la consueta ospitalità e perfetta organizzazione.
  • A Maurizio Scrazzolo che era allenatore ufficiale invitato dalla classe con me, e agli allenatori di circolo intervenuti (Stefano Cigui, Edoardo Cingolani, Dario Marotta e Paolo Mariotti)
  • Alla Classe che ha messo 7 barche a disposizione dei ragazzi, oltre al carrello stradale e al furgone.
  • Al Cantiere Nautivela, Armare e North Sails per il sostegno al progetto GAN e GAN Cadetti.
  • a tutti i ragazzi che hanno preso parte al progetto GAN Cadetti e a tutti i genitori e allenatori che hanno favorito lo spostamento dei ragazzi e delle loro attrezzature.

 

Marcello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...