Ancora loro …


A distanza di pochi giorni, su un campo di regata diverso (Riva del Garda, per l’esattezza), ancora un titolo europeo juniores under 17, nella classe 420, per Demetrio e Gabriele.

Vincere e’ sempre difficile, ripetersi mai scontato!

Complimenti a entrambi e agli allenatori.

Complimenti anche alle altre medaglie azzurre, Ferraro-Orlando, le sorelle Scodnik, i rispettivi coach e naturalmente a Giacomo Ferrari e Giulio Calabro’ con il coach Gabrio Zandona’.

Un grande europeo per l’Italia! 

Complimenti a tutti

Marcello

Report sul Campionato Europeo 2017 – Bulgaria


Commento del Tecnico Simone Ricci:

Da quello che avevamo sentito dire ci aspettavamo un campo ventoso, con onda non troppo grande e una condizione facile da gestire…così è stato, ma solamente durante i 2 giorni di allenamento in cui abbiamo anche partecipato alla practice race. Il passo dei ragazzi era buono, le onde sul mezzo metro e lunghe e i salti di vento facilmente prevedibili e gestibili. Una volta iniziate le giornate ufficiali di regata abbiamo trovato tutt’altro, la prima giornata caratterizzata da 15-16 nodi, onda proveniente da lontano molto alta, lunga e potente e con dei chop sulla parete dovuti dalla leggera corrente contraria e dalla differente direzione del vento. La conduzione è risultata molto fisica e l’onda ha messo, non poca difficoltà ai nostri atleti che sono partiti forse un po intimoriti e intimiditi dall’importante regata quale è un Campionato Europeo. Il secondo giorno il vento è sceso sui 12 nodi in calo durante le prove ma l’onda e la corrente contraria hanno continuato a dar del filo da torcere ai regatanti.

Il vento proveniva sempre tra i 60° e i 110°, dal mare aperto, il cielo sempre pulito e limpido e pochi segnali che permettessero di prevedere i salti… le onde incrociate e choppate rendevano difficile la ricerca delle zone del campo con più pressione e che potevano rendere l’idea dei salti che stavano per arrivare e per questo motivo, unito ad un po di sfortuna, i nostri ragazzi si sono trovati ad affrontare lunghi momenti in “controfase” e su “scarsi” da far saltare i nervi anche al più paziente dei regatanti.

Queste giornate di vento “oscillante” sono risultate dure perchè chi provava ad uscirne fuori dal centro senza estremizzare, fatta eccezione degli atleti molto veloci, veniva passato spesso da entrambi gli estremi.

Il terzo giorno si presentava simile al secondo ma con meno onda anche se sempre molto incrociata. Difficile la gestione della seconda bolina che veniva posizionata molto vicino alla spiaggia ma che spesso con aria più leggera dava colpi di 15 20° e rimescolava le carte. Abbiamo perso tantissimi punti durante le seconde boline e questo i ragazzi lo accusavano molto a livello di motivazione e mentalità.

Le ultime 2 giornate con mare abbastanza più calmo e vento leggero erano più comprensibili e sopratutto il campo è stato di più facile lettura ma comunque un termico (se così lo si può chiamare) piuttosto inusuale perchè in entrambi i giorni è partito da 100° durante le fasi di preparazione del campo, ruotava fino a 110° durante la prima ora in cui stendeva ed aumentava il vento e dopodichè iniziava con salti a sinistra e vento che finiva con una tendenza a sinistra fino a 090° nelle 2 3 ore successive.

Un’esperienza complessa che deve stimolare i ragazzi a cercare di essere sempre il più veloci possibile, anche quando purtroppo devo “faticare” e non posso più far nulla, che serva a cercare di gestire di più la posizione rispetto alla flotta quando sono partito bene(spesso abbiamo fatto super partenze e dopo la metà bolina perdevamo tutto) e accontentarmi di prove nei 10 senza per forza cercare di strafare nelle seconde boline.

Ogni regata ha i propri episodi e i propri colpi che se usati bene ci portano in alto e se non usati bene ci fanno sbagliare ma cred che tutti e 7 abbiano imparato e faranno tesoro dell’esperienza fatta e dopo questa caduta spero di vederli nuovamente in alto che sia nell’Optimist o in un’altra classe.

Commento del Team Leader:

Certamente ci aspettavamo di più da tutti i ragazzi in questa trasferta. Purtroppo gli stessi hanno iniziato molto male la prima giornata e il conto lo hanno pagato pian piano, fino alla fine, senza vedere mai una reazione emotiva necessaria. Come in tutte le regate bisogna sempre trovare dei lati positivi e credo comunque che alla fine sia stata un esperienza formativa e su cui costruire i prossimi campionati sia per chi sarà ancora in Optimist che per chi cambierà classe.

Dal punto di vista logistico, buono lo spazio a terra, scarsi i punti d’ombra (assolutamente necessari con tutto quell’asfalto), bene l’Hotel in generale, mentre non perfetti con i trasfert sia dal club all’hotel che l’ultimo giorno per l’aeroporto.

Per quanto riguarda le stazze, non abbiamo avuto problemi sia nei controlli preventivi che in acqua.

Un grazie a Simone Ricci, coach della squadra e a Bruno Fischetti per il supporto dato a Burgas, a tutta la squadra. Un grazie a tutti i “tifosi” che hanno sostenuto la squadra a distanza e agli allenatori di tutti i ragazzi interessati, oltre che naturalmente alle famiglie.

Appuntamento a Crotone per i Campionati Giovanili. 

Marcello

GAN Cadetti 2017

Comunicazione di servizio
L’orario di ritrovo per il primo allenamento del GAN Cadetti  è fissato dalle 17 alle 19 del giorno 16 Agosto presso il Porto S. Nicolò di Riva del Garda. Il raduno terminerà il giorno 19 Agosto, per le ore 15.

In questo momento sono via dall’Italia per il Campionato Europeo, per necessità potete contattarmi il giorno 7/8.

Saluti Marcello

Demetrio e Gabriele sul tetto d’Europa (420 under 17)


Dopo tanti anni di Optimist e di Gruppo Nazionale, appena un anno dopo il Mondiale in Portogallo (Demetrio) e l’europeo a Crotone (Gabriele), i due ragazzi portano a casa il titolo di campioni europei 420 under 17.

Un grande risultato che premia il lavoro fatto in questi anni, pieni di sacrifici, di questa coppia di ragazzi che abbiamo particolarmente apprezzato sulla nostra classe.

Complimenti ragazzi, complimenti ai coach attuali e passati, e ai club.

Un momento magico per la vela giovanile italiana, orgogliosi in questi anni di aver dato il nostro contributo.

Marcello

Mondiali Laser 4.7 2017


Vorrei esprimere con queste poche righe, i miei complimenti più sentiti a Cesare Barabino e Giorgia Cingolani, che nelle acque di Nieuwpoort in Belgio hanno conquistato la vittoria nel Mondiale Laser 4.7, nella categoria Under 16, salendo sul podio anche nella classifica assoluta.

I complimenti vanno agli allenatori dei due ragazzi.

Complimenti anche a Federica Cattarozzi, che sull’Optimist è andata con risultati minori rispetto a Cesare e Giorgia, ma che continua campionato dopo campionato a mostrare le sue grandi qualità.

Complimenti a tutti

Marcello