Report Secondo Allenamento Pre World 2017 – Malcesine


Come da programma e stavolta con la squadra al completo, abbiamo fatto anche il secondo allenamento della squadra, ormai prossima alla partenza per la Thailandia, il giorno 8 Luglio.

Prima di questo, avremo ancora la Coppa Aico alla quale parteciperanno Andrea, Marco Gradoni e Davide e la Coppa Aico a squadre dove saranno impegnati Andrea e Davide. Max sarà impegnato già da oggi in un’altra serie di allenamenti a casa, mentre Marco Genna dopo un paio di giorni di riposo riprenderà a lavora dalla prossima settimana. 

Sono giornate importanti per mantenere una buona condizione sia fisica che di ore di barca, perché comunque quando arriveremo in Thailandia, avremo giusto il tempo di prendere confidenza con il clima afoso e umido, oltre che fare tre giornate di allenamento proprio a Pattaya.

Ma veniamo a questi quattro giorni passati a Malcesine. Abbiamo avuto quattro ottime giornate, trovando tutte le condizioni. La prima giornata abbiamo iniziato a lavorare nel primo pomeriggio subito dopo pranzo con una parte di riscaldamento, e una fase dedicata alla resistenza durante una serie di manovre ripetute. Dopo quasi due ore di lavoro, siamo passati a fare una parte dedicata al team race, e poi delle regate finali con Maurizio Bencic e i ragazzi di Malta e altri suoi aggregati, e la squadra Slovena che parteciperà al Campionato Mondiale. La sera dopo cena è stata fatta una riunione del Team per cercare di migliorare soprattutto la coordinazione di alcune fasi in team Race, visto che stavolta avevamo tutti gli effettivi presenti.

La seconda giornata, si è aperta con la consegna delle divise alla sede dell’Aico, per poi trasferirsi a Malcesine, e iniziare un debriefing per chiarire alcuni punti da sviluppare nella giornata. Verso le 13, siamo usciti e siamo partiti ancora con una bolina molto lunga, lavorando su conduzione e messa a punto delle vele, cambiando quasi a tutti gli scafi rispetto alla prima giornata. 

Dopo questa lunga prima fase, siamo passati a fare la parte dedicata al team Race, grazie a Richard Schuilters, abbiamo fatto degli interessanti 3 contro 3. Al termine ancora regate di flotta tutti assieme per concludere con 5 ore di lavoro la giornata. La sera, breve riunione a concludere la giornata.

La terza giornata, visto e valutato il meteo abbiamo deciso di uscire al mattino con il vento da nord. La scelta è stata vincente, visto che abbiamo trovato anche punte di venti nodi di massima. Sveglia alle 6.30 e alle 8, barche in acqua … 3 ore e mezzo al mattino e 4 al pomeriggio, una bella simulazione di una giornata tipo del mondiale. In acqua al mattino, lavoro su conduzione e assetti, poi una bella poppa fino quasi a Campione del Garda, e ritorno alla base di Navene. Dopo questa “lunga”, regate finali della mattina.

Al pomeriggio, dopo un debriefing al rientro dopo l’uscita del mattino, dove abbiamo visualizzato alcuni filmati, siamo ripartiti dal team Race, prima con un 3 contro 3 sempre grazie alla presenza di Richard e poi tre Match con i ragazzi della Slovenia, provando tre formazioni diverse. Dopo questa fase, abbiamo lavorato con tutti gli altri portando a casa alcune regate di flotta è un quantitativo di ore, come dicevo di tutto rispetto. 

Al rientro, cena da Max Forelli allo Speck Stube, tappa fissa per le nostre squadre prima di affrontare gli impegni internazionali, che come sempre ha ospitato con simpatia la nostra squadra. Dopo cena, per smaltire la giornata, un bel torneo di Ping pong a chiudere un impegno notevole per i ragazzi.

La quarta e ultima giornata ancora in piedi alle 6.30 e alle 8, via in acqua. Stavolta, visto il grande caldo, il vento da nord era sui 10/12 nodi, ma alle 11, il vento da sud, è arrivato subito e abbiamo avuto la possibilità di concludere il programma di lavoro con un’uscita unica fini alle ore 13. La prima parte dedicata a una bella poppa lunga, sui 20 minuti e poi una seconda con una serie di abbattute ogni 15 secondi. Poi ancora una bella bolina per risalire fino a Capo Reamol. Per chiudere, ancora team race con dei tre contro due interessanti è una bolina da 15 minuti con bordeggio libero. Al rientro dopo una buona pasta, poi siamo tornati all’Aico con barche e gommone.

Considerazioni finali:

– un grazie sentito alla Fraglia Vela Malcesine per l’ottima organizzazione e la disponibilità dimostrata nei confronti di tutta la squadra durante tutto il raduno.

– abbiamo fatto un deciso passo in avanti sotto tutti gli aspetti, per costruire questa squadra. Sono molto contento del lavoro che abbiamo svolto è certamente quanto abbiamo fatto in questi quattro giorni ci sarà molto utile.

– i ragazzi hanno cambiato tutti i giorni le barche, cercando di farli abituare ad usare barche non loro e alla fine credo che il lavoro sia stato utile. L’Aico ha messo a disposizione due Winner e due Nautivela con tutta l’attrezzatura necessaria, dando modo ai ragazzi di portarsi solo la propria vela.

– è stato consigliato di riposare soprattutto i giorni prima della partenza perché comunque saranno 8 giorni di regate molto lunghi e intensi al mondiale senza calcolare il viaggio e i giorni precedenti.

– un grazie alle famiglie, agli allenatori e ai circoli dei ragazzi per aver dato la possibilità di poter fare questi due incontri collegiali che sicuramente sono stati utili per aumentare la coesione e un importante spirito comune. Per alcuni dei ragazzi la trasferta è stata lunga ed impegnativa e mi sento per questo di sottolineare l’impegno messo da tutti.

Appuntamento al lago di Bolsena!

Marcello







Report Primo Allenamento pre World 2017 – Ravenna 12/15 Giugno


Abbiamo iniziato il periodo di avvicinamento al Campionato Mondiale 2017, con un raduno di allenamento di quattro giornate, disputato a Marina di Ravenna, dopo le regate appena conclusesi domenica.

Come dicevo qualche giorno fa, a causa degli esami di terza media, Marco & Marco, non sono potuti venire e questo step di preparazione lo hanno fatto Andrea, Davide e Max.

Con noi anche Maurizio Bencic, con i fratelli Schuilters, un ragazzo del Team Austria che sarà al Campionato del Mondo e alcuni ragazzi del CV Ravennate a completare gli 8 ragazzi per fare del lavoro anche a squadre.

La prima giornata di lunedì, 12 Giugno, si è aperta con un briefing organizzativo soprattutto sul team race, e l’allenamento in acqua è partito verso le 11.30 per chiudersi verso le 16.45, con un buon quantitativo di ore e un buon lavoro a livello tecnico.

La prima parte, dentro il porto, è stata dedicata al Team Race, con una prima parte di esercizi, per poi passare alle regate complete con partenza. Diversi gli errori nella gestione delle boe e soprattutto dell’arrivo che poi sono stati sottolineati durante il debrifing al rientro e la sera prima di cena dove abbiamo visionato un filmato di uno dei match.

Dopo la parte dentro il porto, siamo usciti fuori con una buona onda e la solita corrente molto forte. Il vento era sui 12 nodi e così è stato per tutta la giornata dalla direzione classica con cui abbiamo regatato nelle settimane passate.

La terza giornata, il vento è entrato più tardi e abbiamo dato spazio al lavoro sulle manovre, sulla conduzione e sulla regolazione delle vele con vento leggero. Dopo questa parte molto intensa siamo passati ad alcune partenze con regate e poi al team Race prima con gli amici di Malta e poi con i ragazzi del CV Ravennate. Rispetto alla prima giornata i ragazzi hanno rafforzato l’intesa e l’affiatamento nei blocchi.

Nell’ultima giornata siamo riusciti ad anticipare l’uscita al massimo, appena il vento è entrato facendo solo team Race nel porto con un 4 contro 3 visto che non avevamo il quarto a completare Team World.

L’affiatamento è migliorato molto anche se qualche svarione c’era ancora, ma i segnali rispetto alla prima giornata sono stati certamente confortanti. Alla fine sono state sbagliate cose facili … facendo nel 3 contro 4 molto bene in diverse fasi più complicate.

Chiudiamo con un buon quantitivo di ore questo primo allenamento, in vista del secondo a Malcesine tra pochi giorni, dove avremo tutta la squadra al completo.

Durante le giornate di allenamento a rotazione abbiamo provato gli scafi winner, messi a disposizione dei ragazzi da parte dell’Aico, in vista del possibile utilizzo ai campionati mondiali.

Un grazie sentito al Circolo Velico Ravennate che ci ha ospitato con grande attenzione e simpatia. Un grazie a Lorenzo Pezzilli, Alberto Chersoni, Camilla Ivaldi ed Edoardo Bocale per l’aiuto che ci hanno dato durante il raduno per fare Team Race.

 Non ci è mancato nulla e quando nei posti sei ben accetto si lavora anche meglio. Grazie davvero a tutto lo staff!

Marcello

Dopo due settimane a Ravenna, qualche considerazione 


Una settimana dopo la Selezione Nazionale di Ravenna, sempre nella stessa località, si è svolta la terza Tappa del Circuito Optimist Italia Kinder più Sport 2017.

Grazie, come dicevamo anche alla presenza dei due forti timonieri maltesi, erano in regata anche Marco e Davide, che hanno fatto un buon allenamento in vista dei prossimi impegni. 

La nota più positiva, per quanto riguarda queste giornate a Ravenna, oltre ai due ragazzi citati, sono le buone prestazioni di alcuni giovani del 2005, che confermano la loro crescita continua e di aver sfruttato al meglio la possibilità di fare entrambe le selezioni.

Il passaggio da cadetto a Juniores è sempre molto duro, soprattutto i primi mesi dove ti trovi a dover ragionare, sulle partenze soprattutto ,in maniera molto diversa, perché le difficoltà aumentano subito. 

Da notare anche che pian piano i più giovani, dopo il primo periodo, prendono più confidenza con la nuova realtà e le buone prestazioni che vengono fatte in allenamento, riescono a farle anche in regata.

Poi facendo un’analisi più approfondita, ci troviamo con il giovane maltese pari età dei nostri 2005, già vice campione europeo lo scorso anno, mentre i nostri ancora lo scorso anno regatavano da cadetti senza la possibilità di poter fare neanche le selezioni nazionali.

Tutto questo, disegna una delle principali difficoltà che incontriamo, in Italia, a livello formativo proprio sui giovani di 11 anni, che a mio avviso avrebbero un maggior beneficio a poter confrontarsi con i più grandi per tutta una stagione. Discorso diverso per i bambini di 9/10 anni che hanno una fase formativa diversa dal punto di vista tecnico e quindi hanno meno bisogno di questo confronto.

Che sia l’anno buono, il 2018, per poter vedere gli undicenni alle selezioni Interzonali e Nazionali? La mia speranza è proprio quella, ma io mi posso fermare a questa considerazione, per altro ci sono persone preposte che dovranno fare la propria parte.

Iniziamo questa settimana, con alcune giornate di allenamento con Andrea, Davide e Massimiliano, insieme gli amici di Malta, ancora a Ravenna, in preparazione al prossimo mondiale. Per l’occasione, dovendo lavorare anche per il mondiale a squadre, avremo un quarto atleta del circolo ospitante che ci darà la possibilità di iniziare a provare la squadra. Marco Gradoni e Marco Genna, impegnati con gli esami di terza media, saranno regolarmente presenti al prossimo allenamento della prossima settimana, per poter iniziare a costruire quello spirito di Team, che è fondamentale per affrontare manifestazioni di livello, come già fatto nelle passate stagioni.

In queste giornate l’Aico ha messo a disposizione le proprie imbarcazioni, per dare la possibilità ai ragazzi di allenarsi utilizzando scafi diversi dai propri, visto che al mondiale avremo il charter obbligatorio è sara al 60% del Cantiere Far East e al 40% del Cantiere Winner.

Marcello

Tappa circuito Optimist Italia Kinder + Sport 2017 – Ravenna (Day 1)

Siamo ormai ad un mese dai Campionati Mondiali. In archivio le selezioni, pian piano si avvicinerà il primo giorno di regata, che i ragazzi si sono conquistati con pieno merito.

Inizia la fase di preparazione post selezione, una fase di coesione della squadra, fondamentale per poter affrontare al meglio l’impegno iridato.

Gli esami di terza media condizioneranno una fase di questa, ma il lavoro da fare è molto, soprattutto per quanto riguarda il team race. 

Ieri intanto alcuni delle squadre selezionate erano in acqua a Ravenna per la Tappa del Circuito Kinder Cup 2017, dove tra gli altri sono presenti i fratelli maltesi Schuilters, reduci dal 1 e 2 posto alla Dutch Youth Regatta a Workum in Olanda di due settimane fa, in mezzo a molti dei protagonisti del prossimo mondiale.

Un buon test per i nostri ragazzi e anche una buona occasione per rivedere alcuni giovani del nostro vivaio che anche ieri si sono messi in bella evidenza.

In testa tra gli Juniores Marco Gradoni con 3 primi, così come tra i cadetti, in testa Alessandro Cortese che continua a crescere costantemente e lascia ben sperare per le prossime stagioni da juniores, dove finalmente potrà confrontarsi con i migliori timonieri azzurri. 

Oggi partenza alle ore 14.

Marcello

Analisi SN 2017 – Qualche valutazione 


Come dicevamo, dopo aver fatto un punto della situazione delle squadre è venuto il momento di fare una valutazione più generale di tutta la selezione.

A Bari abbiamo disputato 7 prove, una con vento leggero nella prima giornata, tre nella seconda giornata con vento medio e altre tre nell’ultima giornata con vento più sostenuto con punte fino a 18/20 nodi. A Ravenna, la media intensità del vento è stata dai 6 agli 8 nodi con una corrente comunque molto fastidiosa che imponeva ai ragazzi una valutazione continua e soprattutto a livello di conduzione, di far correre la barca al massimo.

Il peso specifico delle prove con vento leggero è superiore a quello con più vento, quindi una nota di merito speciale va ai timonieri più pesanti ed esperti, che nonostante il loro peso hanno retto il confronto con ragazzi molto più leggeri e veloci in quelle condizioni. Una buona prova di maturità per loro. 

Tra i giovani che si sono messi in evidenza a questa selezione di Ravenna in particolare credo che meritino una nota particolare Stefano Troiano, Gabriele Venturino, Alberto Chersoni e Flavio Fabbrini tutti del 2005. Nelle condizioni che abbiamo trovato hanno mostrato ottima velocità, sono stati protagonisti, chiudendo questa seconda regata tra i migliori della flotta, ma allo stesso tempo hanno commesso qualche inguenuita’ di inesperienza con degli UFD assolutamente evitabili, perché presi all’inizio dell’ultimo minuto oppure alcuni errori tattici che hanno pagato di fronte a ragazzi più esperti. Comunque quattro ragazzini che avranno tempo per maturare in futuro con ampi margini di crescita.

Bene nel complesso anche Alessio Castellan che è il secondo degli esclusi, ma ha fatto vedere che il suo potenziale c’è e ci riproverà certamente il prossimo anno.

Nella Top 20 finale anche il veterano Tommaso Boccuni che ha recuperato qualche posizione rispetto alla Selezione di Bari ma non abbastanza per selezionarsi, Alfredo Salerno che è cresciuto prova dopo prova dimostrando buone doti con vento leggero, la prima ragazza Beatrice Sposato, Mauro Ruperto anche lui molto meglio rispetto ad altre regate trovando maggior continuità e Kenje Werpers, altro 2005, che ha fatto anche alcune prove tra i primissimi della flotta. In totale ben 5 ragazzi del 2005 nella Top 20! Molto bene e bravi ragazzi!

Hanno condotto una buona selezione anche Luca Coslovich, Tommaso Viola e Luigi Mancini, tutti ormai non leggerissimi ma che hanno avuto il merito di provarci fino alla fine rimanendo sempre vicini alla qualificazione.

Questa selezione segna anche un passaggio storico. Il Nord Italia nei dodici qualificati ha solamente due timonieri (Antoniazzi e Cesana, tra l’altro entrambi del 2005). Una nota di merito per i circoli del Sud e del Centro Italia per il lavoro che hanno sviluppato e in questo credo che i frutti delle Tappe del circuito Optisud e Kinder abbia contribuito a questa crescita. Una nota di merito agli allenatori di questi club del Sud Italia, che fanno sempre molti km per cercare di far progredire e crescere i propri atleti.

Dopo tanti anni, al Nord Italia, c’è stato un passaggio di classe notevole negli ultimi due anni e probabilmente ci vorrà un attimo di assestamento per ripartire, ma certamente il campanello di allarme è suonato.

Per quanto riguarda le ragazze, era legittimo attendersi qualche prova tra i primi in più. Anche qui viviamo un anno di ricambio dopo i trionfi dello scorso anno. Quello che è mancato, a mio avviso, è stata un po di convinzione in più in alcune situazioni. Una nota positiva sono le giovani del 2005, Bellomi e Scalmazzi che non sono andate lontane dalla qualificazione ed avranno tutto un anno per prepararsi  e certamente rifarsi. Bene nella selezione di Ravenna Alice Ruperto soprattutto nelle prime due giornate. Tra le più grandi, di poco fuori dall’europeo, anche Nina Cattai, comunque molto più competitiva rispetto allo scorso anno. Purtroppo non è mai entrata in regata Margherita Picarazzi che ha sofferto molto la tensione psicologica, dopo un inizio di stagione ottimo che aveva lasciato sperare ben altri esiti di queste selezioni. Sono convinto che ha ancora delle carte da giocare per il proseguio della stagione. Peccato anche per Anna Pagnini, che in questa selezione non è riuscita a trovare un buon feeling con queste condizioni meteo a Ravenna, dopo la buona prova di Bari. Nel complesso sono entrate 11 ragazzine nella Gold Fleet. 

Buon lavoro a tutti

Marcello